Salute
Ambiente
Sport
Società
Beni culturali
Patrimoni edilizi
Imprese
Economia
Scuola
Università
Turismo Enogastronomia Virtual
Poleis
Innovazione
Tecnologica
 
 
 HOME > società - protezione civile    NOTIZIE O Line
 

Vela, al Trasimeno il Campionato del mondo classe Lightning

Dal 2 al 14 giugno 2013, sessanta equipaggi provenienti da quattro continenti. Oggi la presentazione in Provincia


Sessanta imbarcazioni, 180 atleti, 500 ospiti provenienti da Europa, America, Africa e Australia: questi i numeri del Campionato mondiale di vela, Classe lightning, che dal 2 al 14 giugno, si disputerà a Castiglione del Lago nelle acque del lago Trasimeno. Si tratta del più grande evento velico che abbia mai interessato il lago umbro, con competizioni di livello mondiale, internazionale e nazionale. Ad aggiudicarsi la prestigiosa competizione, che questa mattina è stata presentata in conferenza stampa nella Provincia di Perugia, è il Club Velico Castiglionese. A decidere l’assegnazione, l’International Lightning Class Association (Ilca), oggi rappresentata da Renzo Bozzi, in base a capacità organizzativa, esperienza, location del club velico, oltre che alle possibilità del territorio di accogliere equipaggi e familiari. Come illustrato dal vicepresidente del Club castiglionese Massimo Sepiacci e dal segretario del Comitato organizzatore Mario Forgione, in occasione dell’evento, dal 3 al 7 giugno, si svolgeranno anche il campionato europeo e quello italiano e l’internazionale master di vela. Dal 9 al 14 giugno, poi, le barche provenienti da diciotto nazioni di quattro continenti gareggeranno per il titolo di campione del mondo. “Si tratta di una manifestazione che ci permette di presentare al meglio il Trasimeno”, sono state le parole del sindaco Sergio Batino, per il quale il Campionato mondiale di vela è un’occasione in cui dimostrare che il lago non è solo bello e pulito, ma anche vivo. Il presidente della Provincia di Perugia Marco Vinicio Guasticchi ha giudicato l’evento di altissimo livello, al pari di Umbria Jazz, che potrebbe diventare la scintilla con la quale far ripartire un territorio dall’inestimabile valore, non solo ambientale, ma anche storico e culturale. “Ci auguriamo – ha sostenuto – che ci sia una adeguata presa di coscienza da parte degli operatori economici”. Parole di apprezzamento nei confronti del Club velico castiglionese sono giunte dall’assessore provinciale allo sport Roberto Bertini, secondo il quale oggi l’organizzazione raccoglie i meritati frutti di lunghi anni di impegno sportivo. Le origini del Club infatti risalgono al 1973, anche se è dagli anni ’90 che esso svolge attività agonistica con ottimi risultati sia a livello nazionale che europeo. Per il vicepresidente del Coni regionale Aurelio Forcignanò “manifestazioni di questo tipo fanno bene allo sport e al territorio”, mentre l’assessore regionale Fabrizio Bracco ha fatto notare come l’Umbria da qualche anno stia ospitando eventi sportivi di altissimo livello che diventano grandi strumenti di promozione territoriale.


(10-05-2013 21:32)



 
[ stampa ]  [ archivio ]  [ home ]

Sicurezza stradale, un corso teorico e pratico dedicato alla Terza Età

In Umbria il primo Campo di volontariato del FAI

Corpo sano in bosco sano

Presentato il contest musicale “Give Your Voice 2013” organizzato dai giovani di Telethon

Il dialogo interreligioso a Perugia, un’esperienza d’eccellenza

Il Nordic Walking alla Rocca Flea