Salute ~ Ambiente Sport ~ Società Beni culturali ~ Patrimoni edilizi Imprese ~ Economia Scuola ~ Università Turismo ~ Enogastronomia Virtual Poleis
 
  |Home|  
 


Il secondo anno di “Spettacolo Umbria”

È stato presentato il programma del secondo anno di programmazione del progetto triennale “Spettacolo Umbria”, relativamente alla prima parte, quella da giugno a settembre 2008. Tutti i dettagli

Oltre 130 spettacoli nell’arco di sette mesi, con nuove produzioni teatrali, musicali, nella lirica e nella danza, ed eventi anche nei centri più piccoli della regione. È quanto propone il secondo anno di programmazione del progetto triennale “Spettacolo Umbria”, la cui prima parte (da giugno a settembre 2008) è stata presentata il 7 luglio a Palazzo Donini dall’assessore regionale alla Cultura, Silvano Rometti, alla presenza di amministratori locali e rappresentanti delle compagnie artistiche e associazioni culturali coinvolte. Un progetto che “garantisce una presenza diffusa sul territorio, con 38 Comuni coinvolti – ha detto Rometti – e che contribuisce ad accrescere, con l’aumento dell’offerta culturale, l’attrattività e la qualità dell’Umbria”.
“Da giugno a dicembre, con lo stesso budget del primo anno del progetto – ha sottolineato Rometti– aumenta il numero degli spettacoli che verranno proposti, quasi uno al giorno, finanziati con oltre 2 milioni e 110mila euro. Di questi, 900mila sono stanziati dal Ministero per i Beni e le attività culturali e 414mila dalla Regione Umbria. Una quota consistente, 796mila euro, viene finanziata da enti locali e privati”.
Rispetto al 2007, la Regione Umbria “ha aumentato di 64mila euro, già anticipati a tutti i soggetti attuatori, la propria quota di partecipazione – ha detto ancora Rometti - alla quale vanno aggiunti i 40mila euro di compartecipazione alla programmazione ‘Cinema Umbria’, originata dallo stesso accordo Stato-Regioni alla base del progetto triennale sullo spettacolo”.
“Sono confermati
– ha rilevato Rometti - tutti i soggetti istituzionali, le due Province e i Comuni, che passano da 37 a 38, e i soggetti privati del primo anno di programmazione. Agli oltre 130 spettacoli previsti per il 2008 – ha aggiunto - va sommata la programmazione di alcuni festival specificamente dedicati ai linguaggi dello spettacolo contemporaneo come ‘Es.Terni’ a Terni e ‘ZipFest’ a Orvieto”.
“ZipFest’
– ha rilevato l’assessore – è uno dei due nuovi ingressi della programmazione 2008, organizzato da ‘Alef Danza-a-Teatro’ di Rossella Fiumi, una realtà particolarmente innovativa e molto seguita in tutta Italia per l’attenzione rivolta alla ‘contact dance’ e ai linguaggi del contemporaneo. L’altro nuovo ingresso è quello del Teatro stabile umbro di innovazione, la ‘Fontemaggiore’ di Perugia, che proporrà uno spettacolo originale, che debutterà in autunno”.
“Spettacolo Umbria”
, ha detto ancora l’assessore regionale alla Cultura Silvano Rometti, “non vuole sostituirsi ai circuiti di distribuzione e produzione di spettacolo dal vivo che operano sul territorio regionale, poiché – ha spiegato - le sue finalità sono quelle individuate proprio dal ‘Patto per le attività culturali di spettacolo’ sottoscritto da Ministero, Regioni, Province autonome, Province e Comuni: la qualificazione del sistema dello spettacolo regionale, la diversificazione dell’offerta culturale e della programmazione legata alla contemporaneità, con particolare riguardo ai giovani e ai nuovi autori, alla sperimentazione dei nuovi linguaggi e alla promozione di nuovi talenti, la diffusione dello spettacolo tra le generazioni più giovani e le fasce di pubblico con minori opportunità di fruizione”.
Un progetto importante, ha detto l’assessore, non solo per il suo valore culturale. “Le risorse generate dall’accordo – ha sottolineato – hanno prodotto anche un incremento occupazionale. La Regione Umbria si attiverà con il Ministero dei Beni e delle Attività culturali per dare continuità al progetto, al momento triennale”.
“Il progetto ‘Spettacolo Umbria’
- ha detto Maria Ernesta Ranieri, direttore della Direzione regionale Beni e attività culturali e spettacolorappresenta l’esperienza concreta di come si riesca fare sistema nello spettacolo umbro nel suo insieme, con la piena concertazione tra pubblico e privato, andando ad intervenire sulle realtà produttive professionistiche più promettenti e qualificate nel campo dello spettacolo dal vivo e dei nuovi linguaggi, con il favore del pubblico. Una quota del budget – ha aggiunto - è stata dedicata espressamente alla promozione, con la pubblicazione di un opuscolo relativo alla programmazione estiva, il secondo uscirà a settembre e coprirà la restante parte del 2008”.
“Il progetto
– ha sottolineato, tra l’altro, il dirigente del Servizio Attività culturali e spettacolo della Regione Umbria, Baldissera Di Mauroha cercato di dare significato a tre realtà importanti dello spettacolo contemporaneo, lo ‘ZipFest’ di Orvieto, il festival ‘Es.Terni’ di Terni e, a Perugia, ‘Germinazioni’, ‘Flussi’, ‘Umane Energie’. Sostenendo e valorizzando i soggetti culturali del territorio ha cercato di alimentare e mettere ‘lievito’ alla realtà culturale dell’Umbria, aiutandone lo sviluppo”.
“Spettacolo Umbria
– ha detto l’assessore alla Cultura del Comune di Terni, Sonia Berrettinicoglie la vera sfida dello spettacolo contemporaneo, attraverso il sostegno e la promozione del ‘non visto’ e dell’emergente. La creatività – ha aggiunto, ricordando finalità e caratteristiche del festival ‘Es.terni’ – rappresenta una leva per favorire l’occupazione e lo sviluppo delle realtà locali”.


La programmazione 2008 del progetto “Spettacolo Umbria” sarà disponibile anche sul sito della Regione all’indirizzo www.regione.umbria.it.

Ecco in dettaglio le conferme e le novità nella programmazione 2008, rispetto alla programmazione triennale 2007-2009.

Viene confermato il rapporto consolidato con il Teatro Stabile dell’Umbria per la realizzazione, tra l’altro, di segmenti della programmazione annuale dei vari Comuni partecipanti, per la promozione complessiva di “Spettacolo Umbria” 2008, come promotore e realizzatore di un maggior contenuto di spettacolo contemporaneo all’interno della programmazione teatrale regionale. Per promuovere l’ampliamento del pubblico e la diffusione dello spettacolo tra le generazioni più giovani e le fasce di pubblico con minori opportunità di fruizione, si conferma l’azione del “Teatro” Mancinelli di Orvieto, che anche quest’anno estenderà la propria attività a spazi teatrali marginali della regione.
Le novità. Per quanto riguarda la prosa, “Fontemaggiore - Teatro Stabile di Innovazione”, realizzerà e proporrà la produzione teatrale originale “I Pelagraccio”, di Giampiero Frondini, un affresco di vita contadina dei primi anni Cinquanta, inserito in una cornice moderna.

Per la musica, rispetto a quanto programmato in “Spettacolo Umbria 2007-9”, non si riscontrano modifiche. La programmazione 2007 è stata “molto ben apprezzata dal pubblico e gradita dai Comuni che hanno ospitato i cicli concertistici e le nuove produzioni musicali”, sottolinea il Servizio regionale Attività culturali, proposte dai soggetti individuati (“I Solisti di Perugia”; “Fonoteca regionale Oreste Trotta”; “Centro Civico Musicale Perugino – Giotto Music”; “Ensemble Tetraktis”; “Ensemble In Canto”).
In particolare, si conferma come “focus” della programmazione la valorizzazione delle identità e delle vocazioni territoriali, l’attenzione verso la contemporaneità, specie autori e giovani esecutori. Per mettere a sistema le risorse territoriali disponibili nel settore, tra l’altro, verranno promosse produzioni musicali ad opera di formazioni particolarmente attive nell’ambito della contemporaneità, che si avvarranno nel corso del triennio della collaborazione di solisti originari dell’Umbria, la cui fama ha già da tempo valicato i confini regionali. Questa serie di produzioni potrà essere realizzata attraverso le sinergie instaurate con la Fonoteca regionale “Oreste Trotta” di Perugia.

Per l’opera lirica, vengono confermati i soggetti individuati dalla programmazione triennale: la Provincia di Perugia, il Teatro Lirico Sperimentale “Belli” di Spoleto e l’Associazione In Canto di Narni. Per quest’ultima si conferma la programmazione già prevista per il 2008, con la rappresentazione di “Dannata epicurea”, con testo di Sandro Cappelletto e musica di Matteo D’Amico (2003/2004.)
Per il 2008, il Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto propone la seconda fase del “Progetto Melologo”, a cura di Giorgio Pressburger, imperniato sulla poesia di Sandro Penna e Patrizia Cavalli.
“Spettacolo Umbria” conferma inoltre la partnership con la Provincia di Perugia, la cui proposta si basa sull’esperienza già maturata dalla stessa nel triennio 2005–2007, che ha portato alla realizzazione della “Bohème” di Giacomo Puccini, con una rappresentazione a Dublino nel novembre 2006 ed una a Spoleto nell’agosto 2007, le cui scenografie e i costumi sono stati realizzati da detenuti del carcere di massima sicurezza di Maiano di Spoleto e di Montjoy di Dublino. Per il 2008 si è concordato con il Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto la messa in scena di “Rigoletto” di Giuseppe Verdi, sempre in collaborazione con il carcere di Maiano, l’Accademia di Belle Arti di Perugia e il Comune di Spoleto.

Per la danza, la compagnia “Dejà Donné” di Tuoro sul Trasimeno proporrà “A Glimpse of Hope (Intravedere Speranza)”, coproduzione internazionale, seconda parte della trilogia avviata con “My name is King” che è stato presentato in Italia, Germania, Inghilterra, Danimarca e Repubblica Ceca. Inoltre proporrà “Windows in Umbria”, riproducendo quanto realizzato nella città inglese di Bath, con la danza che “scopre” aspetti inediti e storia di uno spazio delle città umbre coinvolte. A questo si uniranno attività formative, per giovani formatori e per i ragazzi delle scuole medie, e di sensibilizzazione del pubblico. Le attività 2008 di “Oplas” di Umbertide consisteranno in “Spazi di nessuno”, progetto interdisciplinare tra danza, pittura dal vivo e audio-visuale, e nella produzione di una docu-fiction di video-danza, girata tra l’Umbria (Gubbio ed Umbertide ) e la Thailandia (dove la compagnia da anni intrattiene rapporti di collaborazione artistica). Novità nel settore danza del progetto, lo “ZIPfest di Orvieto” organizzato dall’Associazione Alef Danzaateatro che alle date specifiche del festival (alla nona edizione) unisce attività di promozione e formazione.

Si conferma, anche per il 2008, la scelta della ricerca sui nuovi linguaggi come punto cardine di “Spettacolo Umbria”, rilanciando un programma di azioni imperniato sulle due città capoluogo, Perugia e Terni, articolato in una serie di azioni sinergiche e concatenate che vedono come protagonisti, oltre alle amministrazioni comunali delle due città, la fitta e ramificata rete dell’associazionismo culturale sparso sul territorio, l’Archivio dei Giovani Artisti Umbri istituito dalla Regione “con funzioni di supporto, documentazione, informazione e promozione della creatività giovanile in tutte le discipline artistiche”. In questa programmazione rientrano “Le Arti in Città”, tre iniziative del Comune di Perugia su cultura contemporanea, creatività giovanile e relazione-interazione con lo spazio urbano. La manifestazione condivide parte della progettazione con il Comune di Terni – Assessorato alle Politiche Culturali e Giovanili, in particolare con il Festival “Es.Terni”, anch’esso dedicato alla cultura contemporanea, che si svolgerà dal 18 al 28 settembre, alla terza edizione.